Passa ai contenuti principali

Storie di razzismo: la buona notizia sui migranti

Un cadavere è un cadavere, che sia quello di un 'clandestino' piuttosto che di un 'rifugiato'.
La morte li livella, direbbe Totò.
Ebbene, siamo franchi, vi va?
Anche il razzismo equipara in molti, nel nostro paese.
Tanti.
In quanti, mi chiedo, in quanti davanti alla tv – perché la maggior parte della gente è lì che prende il 100% delle informazioni – osservando le immagini riportate da Lampedusa ha sentito un briciolo, ripeto, un esile briciolo di compassione verso quelle persone?

Leggi il resto

Commenti